Tommy Kuti in: Agente 0011 – Licenza di includere

Tommy Kuti, insieme ai nostri Agenti 0011, protagonista della web serie di Missione Inclusione.

Tommy vuole dare vita a nuova canzone e ha bisogno di trovare la giusta ispirazione. Il suo Spirito Guida lo sprona a diventare il paladino degli ultimi scrivendo un pezzo su storie di degrado, emarginazione e discriminazione nelle città italiane. Da dove partire?

Lo spirito guida porta Tommy a Lambrate, quartiere multietnico di Milano, che potrebbe offrire delle storie vere per la sua canzone. Dopo ore di perlustrazione nel quartiere senza trovare nulla, Tommy incontra dei giovani…i nostri Agenti 0011!

Per sapere come prosegue la storia potete vedere la puntata 1 della web serie Agente 0011 – Licenza di Includere qui sotto!

____

Tommy Kuti è ambassador del progetto dallo scorso anno. A settembre 2018 il rapper aveva realizzato un video in cui raccontava la sua storia di inclusione e invitava tutti i suoi fan a unirsi alla community di Agente 0011.

Le sue canzoni raccontano la condizione di un ragazzo di origine straniera che cresce in un Paese in cui l’inclusione e la conoscenza dell’altro sono ancora temi su cui si dibatte e per i quali è bene far riflettere le persone, soprattutto i giovani.

Continuate a seguire la web serie Agente 0011 – Licenza di Includere.

Ogni lunedì verrà pubblicata una nuova puntata!

Stay tuned!

Riskio: con l’Uisp il contrasto al doping è un gioco

Due anni di lavoro insieme a centinaia di ragazzi di otto città italiane che hanno inventato dei giochi di società per riflettere sul fenomeno

Sarà Play, il Festival del gioco che si svolge dal 5 al 7 aprile alla Fiera di Modena, ad ospitare la presentazione dei lavori svolti dai ragazzi coinvolti in Play-La salute in gioco, campagna Uisp contro il doping e l’inquinamento farmacologico, finanziato dal Ministero della Salute – CVD. Il progetto si è svolto a Ravenna, la Spezia, Lodi, Avola, Grosseto, Bolzano, Rovigo e in Val di Susa, coinvolgendo circa 600 studenti delle scuole secondarie di primo grado.

L’Uisp è impegnata da anni nel contrasto al doping e all’inquinamento farmacologico, attraverso campagne e progetti rivolti soprattutto ai giovani. L’obiettivo di Riskio è stato aumentare il bagaglio informativo e il grado di consapevolezza di ragazzi e ragazze sui rischi legati all’uso di farmaci, sostanze e pratiche mediche a fini di doping e sull’importanza della tutela della salute nelle attività sportive e di sani stili di vita quotidiani.

L’aspetto innovativo della campagna è la volontà di mettere al centro i ragazzi, in modo formativo e stimolante, a questo scopo si è deciso di far sperimentare ai ragazzi l’ideazione e la costruzione di un gioco da tavolo, che avesse come tematiche centrali il doping e i suoi presupposti culturali e sociali, la salute, gli stili di vita, la conoscenza del corpo umano e naturalmente i valori dello sport. In questi due anni di attività, i ragazzi si sono cimentati, con il supporto degli operatori locali, nella creazione della plancia e dei personaggi, personalizzando le sfide e le regole del gioco.

Il frutto di questo lavoro sarà presentato a Modena sabato 6 aprile: dalle 9 alle 19 lo stand Uisp sarà animato dai ragazzi che proveranno e faranno provare i giochi costruiti nelle attività del progetto. In programma anche un convegno sul gioco d’azzardo patologico.