Linda Fiumara
38 anni, insegnante di Scuola Secondaria di primo grado, digital copy, e un sogno: poter correre nei musei come Jules e Jim. Ama fare e disfare le valigie, trova meraviglioso il suono della campanella e il chiacchiericcio nei corridoi. Prova, e spesso ci riesce, a conciliare viaggi e vita scolastica.

Renzo Tramaglino perfetta guida letteraria!

Renzo, salito per un di que’ valichi sul terreno più elevato, vide quella gran macchina del duomo sola sul piano, come se, non di mezzo a una città, ma sorgesse in un deserto; e si fermò su due piedi, dimenticando tutti i suoi guai, a contemplare anche da lontano quell’ottava maraviglia, di cui aveva tanto

Studiare l’Europa su Instagram, si può!

Ebbene sì, lo smartphone che a scuola era uscito dalla porta, rientra in classe dalla finestra! Non per distrarsi, ma come mezzo per lavorare, e forse, come nuova opportunità per “svecchiare” la scuola. Magari, anche prevenire il cyberbullismo  o portare avanti progetti interdisciplinari partendo dagli interessi dei ragazzi. Infatti questa app, molto in voga tra

Alla ricerca della pagina perduta di Leonardo

Il 2019 è l’anniversario dei 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci! Per me e i miei alunni si è presentata la possibilità di partecipare a una visita d’istruzione dedicata al genio dei geni. Ci siamo fatti guidare da Leonardo tre le vie di Milano alla scoperta dei suoi luoghi e del Codice Atlantico con

HOW TO – Come creare un Podcast di classe

Ho un ricordo bellissimo degli anni della scuola elementare; la mia maestra in quarta ci fece registrare, su musicassetta, “la sceneggiatura” di un libro che avevamo letto in classe. Ognuno di noi piccoli alunni prestava la voce al personaggio. Oggi le chiameremo fiabe sonore, ieri erano esperimenti favolosi che qualche maestra sui generis come la

Il viaggio di Ulisse su Google My Maps

Tutti noi usiamo Gmaps, sia da pc, per definire gli itinerari, sia da mobile per raggiungere località che non conosciamo così bene. Da qualche anno ho cominciato ad usare in classe Google My Maps, strumento gratuito disponibile in Google Maps che consente di creare mappe personalizzate. Cos’è My Maps My Maps permette a me e

Al mercato per combattere la discriminazione

Multiculturalismo: al Mercato di Porta Palazzo, a Torino, tra i mille banchi di frutta, carne, pesce e verdura ogni giorno va in scena uno spettacolo quasi teatrale di uomini, donne e popoli del mondo. La menta viene esposta vicino a pomodori e melanzane, facce di tutti i colori si uniscono, odori mediterranei e orientali solleticano

5 step per organizzare la gita scolastica

Organizzare una gita scolastica non è un’operazione semplice.  Qui di seguito vi indichiamo quali sono i passi più importanti! Passo 1. Gli obiettivi educativi  Vanno stabiliti gli obiettivi educativi della gita pensando a come arricchirà il programma didattico, a che cosa impareranno gli studenti e come si svolgerà ogni fase, dal viaggio, alla visita di musei

Quattro passi alla scoperta del Barocco

Spesso il punto di partenza per una gita scolastica è un periodo storico, un grande artista o l’attinenza con il programma di qualche materia scientifica. E se si partisse dal Barocco? Tesori salentini: il mosaico di Otranto e il Barocco leccese Conosciuto da tutti per le sue acque cristalline, il Salento è anche una terra ricca

Gita in pullman, quali film far vedere?

Spesso se si guarda un film in classe si cattura l’attenzione degli studenti, che invece durante la classica lezione frontale sono più inclini a distrarsi.  Anche durante il viaggio in pullman di una visita d’istruzione, soprattutto se molto lungo, si può chiedere alla ditta di trasporti di utilizzare un mezzo dotato di schermo e dvd  per

Esperienze da non perdere: primavera è… cicloturismo!

Il cicloturismo  è sostenibile per l’ambiente e per una buona educazione ecologica. Dimostra ai ragazzi che la bicicletta è un buon mezzo di trasporto, anche per i loro spostamenti quotidiani. L’unica obiezione a una proposta di gita su due ruote potrebbe arrivare dai genitori che temono per la sicurezza dei figli. È importante comunicare alle