Linda Fiumara
38 anni, insegnante di Scuola Secondaria di primo grado, digital copy, e un sogno: poter correre nei musei come Jules e Jim. Ama fare e disfare le valigie, trova meraviglioso il suono della campanella e il chiacchiericcio nei corridoi. Prova, e spesso ci riesce, a conciliare viaggi e vita scolastica.

5 step per organizzare la gita scolastica

Organizzare una gita scolastica non è un’operazione semplice.  Qui di seguito vi indichiamo quali sono i passi più importanti! Passo 1. Gli obiettivi educativi  Vanno stabiliti gli obiettivi educativi della gita pensando a come arricchirà il programma didattico, a che cosa impareranno gli studenti e come si svolgerà ogni fase, dal viaggio, alla visita di musei

Quattro passi alla scoperta del Barocco

Spesso il punto di partenza per una gita scolastica è un periodo storico, un grande artista o l’attinenza con il programma di qualche materia scientifica. E se si partisse dal Barocco? Tesori salentini: il mosaico di Otranto e il Barocco leccese Conosciuto da tutti per le sue acque cristalline, il Salento è anche una terra ricca

Gita in pullman, quali film far vedere?

Spesso se si guarda un film in classe si cattura l’attenzione degli studenti, che invece durante la classica lezione frontale sono più inclini a distrarsi.  Anche durante il viaggio in pullman di una visita d’istruzione, soprattutto se molto lungo, si può chiedere alla ditta di trasporti di utilizzare un mezzo dotato di schermo e dvd  per

Esperienze da non perdere: primavera è… cicloturismo!

Il cicloturismo  è sostenibile per l’ambiente e per una buona educazione ecologica. Dimostra ai ragazzi che la bicicletta è un buon mezzo di trasporto, anche per i loro spostamenti quotidiani. L’unica obiezione a una proposta di gita su due ruote potrebbe arrivare dai genitori che temono per la sicurezza dei figli. È importante comunicare alle

I compiti? Guardare video su YouTube

YouTube conta circa un miliardo e mezzo di utenti. La maggior parte delle persone usa questa piattaforma per motivi ludici, ignorandone le enormi potenzialità educative. Ma si può davvero insegnare con YouTube? La risposta è sì. Almeno per me. Almeno per i miei alunni. Quello che serve è consapevolezza da parte degli insegnanti che devono

GeeTripsBlog_percorsi-tra-le-due-guerre

Percorsi educativi tra le due guerre

Chiunque di noi insegnanti si è trovato a spiegare il ‘900 si è anche trovato a parlare di secolo breve e delle due guerre mondiali. Il modo migliore per far capire ai ragazzi i grandi cambiamenti, i drammi e la politica legati alla guerra è portarli a visitare i luoghi in cui si sono svolte

Arte in gita scolastica con la descrizione dal vero

Una delle attività più interessanti da fare durante una gita scolastica è la descrizione. Può essere fatta con le parole oppure con le immagini! Giocare con le parole I bambini imparano lentamente a organizzare le informazioni quando descrivono qualcosa,  i ragazzi invece hanno difficoltà a rendere quelle informazioni più specifiche e significative. Quindi sarà utilissimo svolgere,

GeeTrips_gite-a-tema-geologia-496972207

Dove andare in gita scolastica tra le rocce

Va detto: i ragazzi sono attratti da tutto ciò che è sottoterra, non si vede, ma si può studiare. Sono attratti da fossili minerali e rocce! I loro occhi si illuminano e le orecchie si drizzano quando il docente di scienze comincia a parlare di geologia. Tra i libri di lettura vengono rapiti dalle storie

Tanti consigli per il vostro diario di bordo

Chiunque di noi, chi più o chi meno, desidera avere un ricordo tangibile di un viaggio. Lo stesso vale per le gite scolastiche, dove cartoline e souvenir lasciano oggi spazio a migliaia di foto sullo smartphone. Ma noi docenti cosa possiamo fare per rendere la gita più entusiasmante, godibile e interessante? Uno dei sistemi che

GTBlog_gite_scolastiche_food_623103036

Fattore food a Viterbo, Parma e Coriano

Nessun viaggio è una vera scoperta senza sperimentare il cibo. Le ricette e le materie prime fanno scoprire un territorio tanto quanto i monumenti e i musei.  Da docente cerco sempre di avvicinare i miei studenti ai piatti tipici perché di norma, le nuove generazioni, sono più attratte dai fast food internazionali, che dalle piatti