I compiti? Guardare video su YouTube

YouTube conta circa un miliardo e mezzo di utenti. La maggior parte delle persone usa questa piattaforma per motivi ludici, ignorandone le enormi potenzialità educative.

Ma si può davvero insegnare con YouTube? La risposta è sì. Almeno per me. Almeno per i miei alunni.

Quello che serve è consapevolezza da parte degli insegnanti che devono aggiornarsi sugli strumenti offerti dal web 2.0. Infatti, integrare questa piattaforma all’interno delle classiche lezioni face to face potrebbe rendere la lezione più interessante e rappresentare un stimolo per gli studenti che si muovono nel modo digitale con dimestichezza.

E loro stessi sarebbero portatori attivi di informazioni e video lezioni, documentari e iniziative da condividere.

Registrare le lezioni

La piattaforma più famosa di video sharing può essere utile anche per condividere le lezioni registrate in classe. Questa soluzione avvantaggia gli studenti assenti: con un link si può inviare il video e permettergli di recuperare. Inoltre, anche gli allievi presenti in aula possono rivederlo per chiarire determinati concetti. Questa tecnica ti consente di usare YouTube anche per tenere traccia del lavoro svolto.

Ma non solo. Potete arricchire i video che proponi in aula. Come? Personalizzandoli con EDpuzzle.

Questa piattaforma rende i video interattivi: ti permette di aggiungere la tua voce al termine del filmato per commentarlo, di isolare le parti più importanti, di introdurre dei test per valutare il livello di comprensione dei tuoi alunni.

Un video come compito a casa

YouTube possiede molti video dedicati a contenuti educativi, si tratta di vere e proprie lezioni tenute da insegnanti. Invece di dare una lettura come compito a casa si potrebbe pensare di assegnare un video che tratti dello stesso argomento. In questo modo si può puntare su quegli studenti che hanno bisogno di metodi alterativi per sviluppare le proprie potenzialità.

Imparare le lingue straniere

YouTube permette, essendo una piattaforma veramente internazionale, di vedere video, anche divertenti, in lingua originale. In questo modo gli studenti con il sorriso o rilassandosi possono ripassare l’inglese, lo spagnolo, il tedesco online. In questo caso lo strumento multimediale aiuta moltissimo nell’implementare le capacità di comprensione di quella lingua. Noi stessi insegnanti potremmo selezionare dei canali da suggerire ai ragazzi, sia per difficoltà, sia per precisione della pronuncia, o vedere ogni tanto con loro quale web serie che permette di capire le situazioni di vita quotidiana e contesti abbastanza reali.

Youtube Teachers 

YouTube per le scuole dà accesso a centinaia di migliaia di video didattici su YouTube EDU. Ciò include brevi lezioni degli insegnanti migliori al mondo, corsi completi delle università più importanti al mondo, materiale di sviluppo professionale di altri educatori e video suggestivi di leader del pensiero globale.

Le scuole possono personalizzare i contenuti disponibili al loro interno. Tutte le scuole ottengono l’accesso a tutti i contenuti di YouTube EDU, ma gli insegnanti e gli amministratori possono anche accedere a YouTube.it e creare playlist di video che saranno disponibili presso la loro scuola.

Per concludere la nostra visita al mondo di YouTube vi lasciamo una serie di canali da guardare in classe con i vostri studenti.

Dario Bressanini, chimico, dopo esser diventato abbastanza famoso con un paio di libri dedicati a chimica e cucina, ha creato un suo canale Youtube, nel quale sfata molti miti della chimica e della cucina: 

Dottor Sadray, filosofo, invece di fare video molto lunghi, che possono risultare difficili per il grande pubblico, ha puntato su un formato molto più rapido. Le sue lezioni sono arricchite da un umorismo british che non ci si aspetta da un italiano.

Adrian Fartade di Link4Universe parla invece di esplorazione spaziale e di astrofisica, è un filosofo della Scienza. Quando la sonda New Horizon doppiò Plutone lui era in diretta con 12.000 persone che lo seguivano, contemporaneamente. Da rimanere a bocca aperta.

Sgrammaticando, 400 e passa video e un libro, insegna ai ragazzi, in maniera rivoluzionaria, le regole della grammatica, i dettagli e le particolarità della lingua italiana. Sempre con il sorriso, sempre coinvolgente, sempre attenta ad ogni parola. E’ una vera scoperta.

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry
Linda Fiumara

Autore Linda Fiumara

38 anni, insegnante di Scuola Secondaria di primo grado, digital copy, e un sogno: poter correre nei musei come Jules e Jim. Ama fare e disfare le valigie, trova meraviglioso il suono della campanella e il chiacchiericcio nei corridoi. Prova, e spesso ci riesce, a conciliare viaggi e vita scolastica.