Insegnare e viaggiare? Parola di docente blogger

Piacere, mi presento sono Linda. Da piccola ho avuto una grande fortuna, mio papà e mia mamma mi hanno fatto viaggiare tantissimo quasi esclusivamente dentro i confini italiani.

Non per campanilismo, ma per una coscienza magnifica di farmi conoscere la bellezza del nostro panorama culturale, ed un grandissimo augurio per il mio futuro: che la vita mi avesse permesso di viaggiare in tutti i continenti.

Per fortuna, così è stato!

Non avevo però mai immaginato che sarebbe potuto diventare, negli ultimi anni, un lavoro.

Ad essere precisi, io un lavoro lo avevo scelto molto tempo prima, fin da bambina sognavo di fare l’insegnante e al raggiungimento di quel sogno si sono rivolte tutte le mie scelte di studio.

Così è stato. A tre anni dalla laurea facevo supplenze annuali e poco tempo dopo, pur seguendo la lunga trafila del precariato e del cambiare scuola ogni anno, ho ottenuto “l’ardito” ruolo.

Insegnare e viaggiare… nello stesso tempo

Non per questo avevo smesso di sognare… e più o meno nello stesso periodo, amante delle parole e del raccontare storie, ho cominciato a collaborare con un blog di viaggi e due blog di life style per rendermi conto, ben presto, come quella grande passione si stesse trasformando in qualcosa di diverso e più impegnativo, ma soprattutto stesse cambiando me.

 Scrivere di viaggi permette non solo di viaggiare lontano, indimenticabile un tour a Tokyo, ma anche di leggere il proprio territorio con gli occhi di un viaggiatore, con gli occhi appassionati, per far innamorare chi non c’è mai stato.

 Fosse anche una cittadina di provincia, la bella Brianza, quel luogo particolare che si è scoperto nel centro di Firenze, o un ristorante didattico, come quello della scuola alberghiera di Monza, Olivettando, dove a lavorare in cucina ci sono i ragazzi aspiranti chef. 

Gli attrezzi del mestiere

Come blogger mi sono sempre ripromessa di comunicare al meglio le realtà che incontro, fare foto di buona qualità e utilizzare meglio che potevo applicazioni, software e social. Photoshop e light room, sono ottimi alleati nel campo della fotografia; Facebook, Twitter, Instagram e Pinterest necessari e indiscutibili strumenti di comunicazione che devono essere ben curati e il più dettagliati possibile.

Così in questi anni credo di avere mescolato le mie due realtà lavorative, cedendo ad una l’attenzione per i dettagli e la forma comunicativa migliore e all’altra contenuti sempre nuovi e tecnologie con cui entusiasmare giovani discenti.

Due strumenti smart per la didattica

Vi presento due strumenti per me utilissimi.

 Cos’è Socloo?

Socloo, è un ambiente Didattico social, sicuro e protetto pensato e sviluppato esclusivamente per la Scuola Italiana. Consente ai noi docenti di coinvolgere gli studenti, creando classi virtuali e gruppi di lavoro. Permette di comunicare in tempo reale, per condividere risorse digitali e per collaborare nella costruzione del loro e-portfolio.

 È disponibile gratuitamente per tutte le Scuole (Primarie, Secondarie di I e II grado). 

 Per utilizzarlo non sono necessarie competenze tecniche. Si può accedere semplicemente da computer e tablet tramite un semplice browser o da smartphone con l’apposita APP Mobile o utilizzando la LIM di classe senza limiti di spazio e di tempo di connessione.

 Funziona ovunque, in classe e da casa, ma anche in gita o in biblioteca. Basta avere una connessione Internet!

 Cos’è Slideshare?

Slideshare è una piattaforma indispensabile per condividere contenuti testuali e visual online. Attraverso il suo sistema puoi creare un account e iniziare a caricare ciò che hai preparato per preparare le lezioni e ciò che producono i ragazzi a casa o in classe. 

Slideshare è perfetto per ospitare infografiche e altri tipi di documenti tipo Ppt, Word, PDF e file immagini tipo JPG e PNG. 

Il suo motto è: scopri e condividi la conoscenza. Difficile essere più precisi di così: su Slideshare si trovano documenti che riguardano qualsiasi tema, professionale e non.

Solo così, con impegno e responsabilità, sono riuscita a fare in modo che il lavoro giusto per me ed una grande passione possano integrarsi e creare una rete meravigliosa di condivisione e interessi molteplici. 

 Anche voi siete docenti blogger? Mettiamoci in contatto!

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry
5
Linda Fiumara

Autore Linda Fiumara

38 anni, insegnante di Scuola Secondaria di primo grado, digital copy, e un sogno: poter correre nei musei come Jules e Jim. Ama fare e disfare le valigie, trova meraviglioso il suono della campanella e il chiacchiericcio nei corridoi. Prova, e spesso ci riesce, a conciliare viaggi e vita scolastica.